I DOSHA ( la tipologia costituzionale in ayurveda )

i dosha gr

I DOSHA ( la tipologia costituzionale in ayurveda )

  |   Senza categoria   |   No comment

 I tre DOSHA

i dosha pc

Secondo l’ayurveda ogni essere umano è nato dalla composizione, in diversa misura, dei 5 elementi. Che sono: terra, acqua, fuoco, aria e spazio.

I cinque elementi (Pancha Mahabhuta) quando si aggregano per costituire il corpo degli esseri viventi, lo fanno secondo certe modalità e si combinano formando tre energie basilari. Queste tre energie di base sono forze vitali primarie e vengono chiamate tre umori biologici oppure costituenti corporei, il termine che si usa in Ayurveda è dosha.

Dosha deriva dalla radice Dushanat che significa letteralmente impurità; questo termine non va inteso in senso negativo, in quanto i Dosha, o principi metabolici, danno vita alla struttura psicosomatica dell’uomo. La parola Dosha infatti significa anche “che mantiene e controlla il corpo”, e poiché sono tre vengono chiamati Tridosha (Tri in sanscrito significa tre).

Uno dei concetti più importanti dell’Ayurveda è quello dei Tridosha: vata, pitta e kapha, che sono i principi chiave dalla cui combinazione nasce la formazione dell’Universo e la costituzione di ciascun individuo.

Nei testi ayurvedici dosha viene definito, come abbiamo già visto, “ciò che contamina”, quindi letteralmente dosha è ciò che contamina i costituenti naturali del corpo, in altri termini si può dire che i dosha sono i fattori patogeni nel corpo.

Questi elementi non sono qualcosa di reale ma fanno riferimento a delle funzioni corporee associate ad ogni dosha. Ad esempio un tipo corporeo:

Di seguito sono elencati i tre dosha, gli elementi di cui sono composti e la loro principale funzione :

Vata aria + spazio    governa il movimento

Pitta acqua + fuoco   governa il metabolismo

Kapha terra + acqua   governa la coesione e crea la struttura del corpo

I dosha hanno una loro identità con qualità caratteristiche, sono presenti in ogni parte del corpo ma in certe parti si trovano con maggiore abbondanza, ognuno di essi ha delle ragioni specifiche di squilibrio, e ognuno causa determinate malattie per cui esistono trattamenti specifici.

Questi elementi non sono qualcosa di reale ma fanno riferimento a delle funzioni corporee associate ad ogni dosha. Ad esempio un tipo corporeo:

VATA :Spesso va incontro a problematiche di gas intestinali, ciò dimostra la relazione con l’elemento aria

PITTA:tende spesso ad arrabbiarsi e a provare calore in relazione all’elemento fuoco ma allo stesso tempo a sudare molto in relazione all’elemento acqua

KAPHA:tende ad essere molto lento e pesante quindi attaccato alla terra ma allo stesso tempo presenta problematiche di sinusiti, congestioni toraciche e infiammazioni alle mucose che evidenziano una eccessiva presenza di elemento acqua

A livello corporeo, ogni dosha ha una sede principale ovvero una sua ubicazione:

Vata la sede è il colon

Pitta La sede è l’ intestino tenue

Kapha la sede é il torace

 

In presenza di uno squilibrio per questi tipi corporei, potrà insorgere una malattia nella propria sede. Questo però non significa che la malattia insorgerà sempre in quel punto, per ogni tipo corporeo (dosha) potrebbe spostarsi in qualsiasi luogo del corpo e giusto per citare un esempio alcuni problemi di vata, potrebbero essere mal di testa ed insonnia che sono problematiche fuori dalla sua sede principale.

L’equilibrio dei Dosha produce armonia e buona salute, lo squilibrio porta a disturbi fino all’instaurarsi della malattia ed è il primo segno di una mancata sintonia fra corpo e mente.

Fonte:AumShanti

No Comments

Post A Comment